Per la CasaPer la Partita IVAOpzioni e ServiziAssistenza
Wind print logo

Cadute di connessione


L'ADSL va e viene

 

Sintomi

Il modem/router non si connette all'ADSL anche quando il led dell'ADSL è acceso, oppure il led rimane acceso per poco e spesso lampeggia. Il risultato è che quando il modem si connette, si riesce a navigare per periodi limitati, poi la connessione cade.
L’assenza randomica di portante è la perdita “casuale” di segnale da parte del modem/router del segnale ADSL erogato dalla centrale sul doppino telefonico. Il modem/router, perdendo il segnale fisico/elettrico e quindi l'interconnessione con la centrale, interrompe la connessione con il server remoto (sessione PPP down/perdita indirizzo IP) impedendo l'utilizzo momentaneo dei servizi internet o VoIP.
I sintomi più evidenti rilevati dal cliente possono essere:

  • Internet: navigazione a "singhiozzo"
  • VoIP: cadute di comunicazione

I segnali più evidenti sono:

  • Presenza del Pop-up di windows che avvisa della perdita di connettività (per connessioni dial-up/modem USB o connessioni a banda larga)
  • Il led dell'indicatore di presenza di segnale sul router lampeggiante (il led può essere chiamato in vari modi: Link, adsl, sync e comportarsi in modi diversi a seconda del modello del modem/router utilizzato. Per questo motivo ti invitiamo a consultare il manuale del modem alla sezione “diagnostica dei led”)
  • Valori di Portante/Attenuazione/SNR a zero per qualche istante (contestualmente al led che lampeggia)

 

Le cause

Le possibili cause del fenomeno dell'assenza di portante sono molte e diversificate: nell’immagine vengono indicate le principali:

Ovviamente anche la distanza dall’abitazione alla centrale (ultimo miglio) è un fattore importante. Per ovviare a tale problema, Infostrada, per i clienti raggiunti dalla propria rete, utilizza degli automatismi presenti nei suoi DSLAM basati sul concetto di noise target. Rilevati determinati valori predefiniti di disturbo, questi abbassano automaticamente la velocità del segnale ADSL rendendolo più robusto: in questo modo si riescono ad evitare le frequenti disconnessioni.

 

Soluzioni:

1. Verifica di avere un filtro per ogni telefono
2. Verifica di avere un filtro pots splitter installato (solo se hai un impianto complesso che comprende centralini e/o tele-allarmi) 
3. Rimuovi eventuali prolunghe telefoniche 
4. Prova a staccare TUTTI i telefoni dall'impianto e collega solo il modem/router alla presa telefonica primaria senza filtro (generalmente è quella situata vicino all'ingresso di casa) 
5. Prova se puoi un altro router 
6. Fai verificare dal tuo elettricista di fiducia:

  • che il tuo impianto telefonico sia in parallelo e non in serie
  • che non siano presenti dei condensatori dentro le prese telefoniche
  • che non ci siano suonerie aggiuntive, vecchie prese inutilizzate, fili scoperti o in basso isolamento

Se il modem/router continua a rilevare il segnale della portante in maniera randomica, contatta l'Assistenza Tecnica ADSL chiamando il 155.

 

Approfondimento: come si riconosce una buona linea ADSL?

In linea generale, per valutare in modo adeguato la performance dell’ADSL, occorre tener presente che a parità di lunghezza del cavo telefonico, più la velocità ADSL aumenta, più il segnale diventa instabile; per questo motivo è necessario che l’impianto telefonico e il doppino telefonico siano in ottime condizioni su tutta la tratta!

Detto questo, i parametri necessari per valutare le performances qualitative di una linea ADSL si possono consultare direttamente attraverso il modem, consultando i seguenti valori di linea:

  • Data Rate (Velocità del segnale ADSL)
  • Attenuazione
  • Margine di Rumore (SNR)

 

Data Rate:

è la velocità di linea ADSL. Indica l'ampiezza di banda utilizzata per trasmettere il segnale ADSL tra la casa del cliente e la centrale. La profilazione del segnale ADSL (cioè la definizione della sua velocità) viene configurata sull'apparato DSLAM in centrale e segue il tipo di abbonamento del cliente (8mb, 20 Mb...)

Attenuazione:

è il valore dell’attenuazione del segnale, ovvero la riduzione della sua intensità, è direttamente proporzionale alla lunghezza del doppino. In linea generale più il valore dell’attenuazione è basso, migliore sarà il segnale ADSL poiché ricevuto con maggiore intensità. 
Essendo la relazione tra l'attenuazione del segnale e la lunghezza del doppino telefonico dal modem/router alla centrale, possiamo calcolare indicativamente tale la distanza in base all'attenuazione, tenendo presente che il segnale ADSL si attenua di circa 14 db (decibel) al KM

SNR:

è il valore che indica la robustezza del segnale; in linea generale più il valore è alto, migliore sarà la comunicazione tra il modem e il DSLAM remoto. Possiamo quindi dire che con un allineamento di snr sotto i 6 db (soglia di confine) potrebbero verificarsi fenomenti di randomicità (perdita casuale) del segnale.
Al contrario dell'attenuazione che è un valore fisso (direttamente proporzionale alla lunghezza del doppino) il margine di rumore può essere un valore variabile ed inversamente proporzionale alla velocità ADSL. Infatti, a parità di distanza tra il modem/router e la centrale, due utenti con profili diversi (es. 8 Mb e 4 Mb), avranno un SNR, completamente diverso.
Ipotizzando una distanza modem/router - centrale di 2 Km avremo un valore di attenuazione di 28db (14dB x 2= 28)
Con una velocità ad 8 Mb tale valore di attenuazione restituisce un SNR di 6dB, mentre con una velocità pari a 4 Mbavremo un SNR di 12dB
Nell’ultimo caso, a fronte di una velocità minore, avremo un SNR maggiormente robusto: l’ ADSL sarà stabile e non risentirà di eventuali disturbi.
In questo modo, la fruibilità dei servizi sarà garantita.